Crescono le ispezioni sul lavoro

da | 6 Mar 2024 | Prevenzione e igiene ambientale

Calderone: dalle nuove norme il 40% di controlli in più nel 2024, crescono le ispezioni 

Tra il 2023 e il 2024, grazie al nuovo personale assunto, le ispezioni sul lavoro cresceranno del 40%, anche se l’obiettivo è di raddoppiarle.

No alle ironie sulla patente, si può migliorare, ma è uno strumento importante, da non sottovalutare. In generale, in edilizia si è registrata una percentuale di irregolarità del 76%, che arriva all’85% quando si tratta di Superbonus.

Il governo è al lavoro per stanare i furbetti e aumentare i controlli. Sono le parole del ministro del lavoro e delle politiche sociali Marina Calderone, intervenuta il 6 marzo alla Camera davanti alla commissione d’inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia. La ministra, tra le altre cose, ha illustrato il recente pacchetto sicurezza che è stato inserito nell’ultimo decreto Pnrr.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Crescono le ispezioni sul lavoro  Per prima cosa, i numeri.

“Tra il 2023 e 2024 con il personale che abbiamo attualmente in forza avremo un aumento del 40% delle ispezioni”. E ancora: “mettiamo in campo ulteriori 250 assunzioni di personale ispettivo da impiegare in attività vigilanza tecnica e potenziamo il nucleo dei carabinieri presso l’Ispettorato del lavoro di 50 unità. Con il nuovo contingente andiamo a raddoppiare numero degli ispettori tecnici addetti ai controlli di cantiere e questo significa aumentare del 100% in prospettiva le potenzialità in termini di controlli”. La situazione, comunque, è molto critica: “nel settore dell’edilizia, in materia di verifiche tecniche, si riscontra una percentuale di irregolarità nel 2023 del 76%. Se poi guardiamo il fenomeno dei cantieri del Superbonus, la percentuale di irregolarità sale all’85%”. Con le azioni messe in campo per la sicurezza sul lavoro “diamo un messaggio ai furbetti, perché siamo in grado di controllare, sanzionare ed evitare che facciano danni”, il pensiero di Calderone. “Vogliamo che le persone lavorino, lavorino in sicurezza e siano correttamente retribuite”.

La ministra ha, poi, risposto con un certo risentimento sulla questione patente nei cantieri edili: “c’è sicuramente spazio per lavorare, per migliorare l’intervento, ma lo rivendico perché credo sia estremamente importante, in linea con quelle che erano le previsioni normative, ma soprattutto con gli orientamenti generali su una corretta valutazione della regolarità. Il settore edile per le specificità, le sue particolarità e anche le sue complessità, è un focus importante per mettere a punto uno strumento di questo tipo, che però deve diventare uno strumento generale”.

Infine, Calderone ha fatto un passaggio anche sul decreto dignità e sulla stretta ai contratti a termine operata nel 2018.

“Non c’è un’evidenza nei numeri che il decreto dignità abbia prodotto un contrasto alla precarizzazione”, il pensiero della ministra. Con il decreto lavoro del primo maggio scorso “abbiamo riconsegnato le causali dei contratti a termine alla contrattazione collettiva: secondo noi è il sistema migliore. L’evidenza è che sono in aumento i contratti a tempo indeterminato e in contrazione i contratti a termine”.

Pubblicità
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM
  • box inim

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest