Costi di produzione per i prezzi dei prodotti agroalimentari: nuova proposta di legge

da | 26 Mar 2024 | Tecnologie alimentari

Comunità energetiche 2023

AC 851-A: nuova proposta di legge che considera i costi di produzione nella determinazione dei prezzi dei prodotti agroalimentari nei contratti di cessione

La nuova proposta di legge (AC 851- A), modificata durante l’esame in sede referente, ha l’obiettivo di introdurre alcune modifiche al decreto legislativo 198/2021, al fine di considerare i costi di produzione nella determinazione dei prezzi dei prodotti agroalimentari nei contratti di cessione.

La proposta prevede anche una delega al Governo per regolare le filiere di qualità nella produzione, importazione e distribuzione di tali prodotti. Infine, propone campagne informative per sensibilizzare i consumatori.

La finalità della proposta di legge in esame – come si legge nella Relazione Illustrativa – “è quella di tutelare la redditività delle imprese agricole, prevedendo criteri che stabiliscano chiaramente quali siano i fattori che concorrono alla formazione del prezzo inserito nel contratto di cessione, anche alla luce del considerando della direttiva (UE) 2019/633, il quale rileva che, sebbene il rischio commerciale sia un dato di fatto implicito in qualunque attività economica, la produzione agricola è caratterizzata anche da un’estrema incertezza dovuta sia alla dipendenza dai processi biologici sia all’esposizione ai fattori meteorologici”.

Nello specifico, questa proposta:

  • all’articolo 1, modifica l’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo citato, introducendo la definizione di “costi di produzione” e stabilendo che tali costi devono essere considerati nella definizione dei prezzi nei contratti di cessione e negli accordi quadro tra le organizzazioni professionali rappresentative. Inoltre, aggiunge una disposizione riguardante l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF), affinché possa richiedere documenti contabili durante le indagini sulle pratiche commerciali vietate;
  • all’articolo 2, delega al Governo l’adozione di un decreto legislativo entro dodici mesi dall’entrata in vigore della legge, per disciplinare le filiere rispettose di parametri di qualità, sostenibilità ambientale, sociale ed economica nella produzione, importazione e distribuzione di prodotti agroalimentari. Vengono stabiliti principi e criteri direttivi per il decreto, insieme alla procedura di adozione e alla clausola di invarianza finanziaria;
  • all’articolo 3, introdotto in sede referente, prevede la promozione di campagne informative per informare i consumatori sulla composizione e formazione dei prezzi dei prodotti agroalimentari, con oneri stimati in 500.000 euro per l’anno 2023, finanziati tramite riduzione di un fondo specifico e con autorizzazione al Ministro dell’economia e delle finanze per le variazioni di bilancio necessarie.

Sul provvedimento in esame le Commissioni I, VI, VIII, X, XI, XII e XIV hanno espresso parere favorevole. La Commissione VIII Ambiente ha espresso parere favorevole con una osservazione: è stato chiesto di valutare l’opportunità di prevedere anche il concerto con il Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica nell’esercizio della delega al Governo per la disciplina delle filiere di qualità nel sistema di produzione, importazione e distribuzione dei prodotti agroalimentare di cui all’articolo 2.

Italia ancora regina europea del settore design

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest