Congresso Ingegneri: approvata a maggioranza la mozione finale

da | 21 Giu 2021 | Professioni a confronto

Ampliamento e rafforzamento del sistema di relazioni del Consiglio nazionale ingegneri con altre strutture e reti della rappresentanza, rafforzamento della collaborazione con strutture e istituzioni impegnate su temi e ambiti relativi all’ingegneria e infine rafforzamento di organizzazioni di categoria e di collaborazione con altri enti.

Sono i tre punti principali della mozione approvata alla conclusione della sei giorni di Congresso nazionale degli ingegneri trasmessa in diretta dall’Auditorium Paganini cui hanno assistito da remoto, ogni giorno, migliaia tra ingegneri iscritti, delegati degli Ordini territoriali e rappresentanti delle altre categorie professionali tra cui il presidente del Cnpi Giovanni Esposito.

La priorità è appunto quella di ampliare e rafforzare il sistema di relazioni del C con altre strutture e reti della rappresentanza: la Rete Professioni Tecniche, l’Alleanza RPT-CUP e la partecipazione al neonato organismo “le Professionitaliane”.

Pubblicità

La seconda priorità per gli ingegneri è quella di rafforzare la collaborazione con strutture e Istituzioni impegnate in vario modo su temi e ambiti di intervento in cui l’Ingegneria è coinvolta (ENEA, Dipartimento Protezione Civile, INGV, Accredia, UNI, Filiera delle costruzioni, Commissario Sima Centro Italia, Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Commissione di monitoraggio sui Superbonus per l’edilizia) e infine il terzo obiettivo è quello di dare forza alle diverse organizzazioni di categoria (Fondazione CNI, Agenzia Certing, Scuola di Formazione, Centro Studi, Working) e a quelle nate in collaborazione con altri enti (Struttura Tecnica Nazionale, Quacing e Censu ed Enginet).

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest