Codice dei contratti, Condelli (Cni): “condivisibili i principi, ma alcuni elementi sono da correggere”

da | 30 Gen 2023 | Professioni a confronto

“Gli ingegneri sostengono che il nuovo Codice dei Contratti, sebbene sia condivisibile nei principi ispiratori, contenga alcuni elementi che non funzionano e vanno corretti”

Così Domenico Condelli, Consigliere del Consiglio Nazionale Ingegneri, commenta i contenuti dell’audizione di RPT e CNI presso la Commissione Ambiente e Territorio della Camera nell’ambito dell’esame dello schema di decreto legislativo relativo al codice dei contratti pubblici.

“Non è accettabile, ad esempio, il ricorso illimitato all’appalto integrato – aggiunge Condelli -. Questo deve essere limitato alle progettazioni complesse caratterizzate da un alto contenuto tecnologico. In caso contrario verrà persa la centralità del progetto attualmente in capo alle stazioni appaltanti, che perseguono interessi pubblici. In linea col principio dell’equo compenso, inoltre, è necessario il richiamo ai servizi di architettura e ingegneria e, di conseguenza, all’obbligo di utilizzo dei parametri di riferimento per la determinazione degli importi da porre a gara. Bisogna dire, poi, che non è concepibile il subappalto dei servizi tecnici in quanto trattasi di prestazioni intellettuali.

Risulta eccessiva, infine, la richiesta dei requisiti di partecipazione che determina l’esclusione di molti professionisti dalle opere pubbliche. Per chiarire faccio un esempio. Una collega che deve partorire e resta lontana per un anno dalla professione è impossibilitata a partecipare ad un bando in quanto si prende in esame il fatturato dell’ultimo anno. Tutto questo non è accettabile”.

Pubblicità
Honeywell CLSS

 

Equo compenso, gli ingegneri chiedono chiarimenti

Equo compenso, gli ingegneri chiedono chiarimenti

Lettera al governo (e all’Anac) per l’applicazione negli appalti L’equo compenso continua a far discutere. La ormai nota conclusione Anac, per cui ci sarebbero delle problematiche per il rispetto e l’applicazione dell’equo compenso nelle gare pubbliche, ha scatenato...

La transizione energetica passa dall’Africa

Italia presente alla 9^ Conferenza globale dell’Agenzia internazionale dell’energia Africa come priorità strategica di partnership globale per la transizione energetica. Il Piano Mattei come punto di riferimento, con le azioni congiunte che spaziano da vari settori...

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Integrazione risorse del Fondo IPCEI Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, per sostenere e promuovere la realizzazione di importanti progetti di comune interesse europeo (IPCEI) nelle catene del valore strategiche per l’industria europea, ha disposto,...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest