Le Comunità Energetiche, motore d’innovazione e sviluppo- Il ruolo delle professioni tecniche

da | 25 Ott 2021 | Eventi in evidenza

Le Comunità Energetiche, motore d’innovazione e sviluppo – Il ruolo delle professioni tecniche. Il progetto del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati in collaborazione con Ancitel Energia & Ambiente Srl.

Che cosa è una Comunità Energetica
Un’associazione costituita da consumatori di energia, cittadini, imprese, enti pubblici e altri soggetti che, all’interno di un territorio, sono in grado di produrre energia “fatta in casa” da fonti energetiche rinnovabili, consumarla e scambiarla in un’ottica di autoconsumo e autosufficienza.

Perché?
Perché si risparmia.
► Perché si riducono le emissioni di CO2.
► Perché si contrasta la povertà energetica.

Pubblicità

Gli obiettivi del progetto
Approfondire e diffondere il nuovo modello di sviluppo delle Comunità Energetiche  Rinnovabili e le relative opportunità ambientali, sociali ed economiche.

Il format
Sei incontri a partire da dicembre 2021 in alcune delle principali città italiane dove saranno chiamati a raccolta gli operatori del settore, i rappresentanti delle istituzioni, gli esponenti di categoria per focalizzare l’attenzione sull’evoluzione legislativa, i possibili scenari futuri e raccontare le storie di successo di comunità energetiche già realizzate.

Le tappe
Napoli 9 dicembre 2021
Venezia/Mestre 28 gennaio 2022
Milano 24 febbraio 2022
Firenze 24 marzo 2022
Palermo 28 aprile 2022
Bari 13 maggio 2022
► Roma 8 settembre 2022

Il target
• Le pubbliche amministrazioni per sottolineare il loro ruolo strategico nella partita della rivoluzione ambientale.
• I cittadini per far capire loro come la chiave della transizione ecologica possa risiedere anche in scelte consapevoli e attive.
• I professionisti affinchè possano avere consapevolezza dei nuovi spazi di mercato che si stanno creando e che possono rappresentare un’opportunità di lavoro.

 

📍 1ª TAPPA

📍 2ª TAPPA

📍 3ª TAPPA

📍 4ªTAPPA

📍 5ªTAPPA

📍 6ªTAPPA

📍 7ª ed ULTIMA TAPPA

Parte da Napoli il percorso delle comunità energetiche, con un progetto che permetterà di condividere l’energia pulita prodotta dal sole.

ILLUMINARE LA SPERANZA

Un’iniziativa dal valore sociale e ambientale che punta a realizzare un modello di comunità energetica attraverso la progettazione di un professionista in una zona particolarmente disagiata. Il prototipo conterrà le schede per la progettazione e potrà essere utilizzato come strumento di lavoro per il professionista e come guida per ogni pubblica amministrazione che voglia realizzare una comunità energetica nel suo territorio.

Ogni evento si chiuderà con la proposta, all’Ente locale, di realizzare, dal progetto alla messa in opera, una “Comunità Energetica”. Il progetto, promosso dal Consiglio Nazionale dei Periti Industrialivedrà beneficiarie le famiglie di un  quartiere con difficoltà economiche e sociali. L’impianto solare da 20 kw permetterà di condividere l’energia prodotta con le famiglie di tutto il quartiere.

PER PARTECIPARE COME SPONSOR

Scopri qui come fare

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia, la crisi dei costi si attenua, in vista tariffe più «soft» per cittadini e imprese Le conseguenze del conflitto fra Russia ed Ucraina (divampato poco meno di un anno fa, alla fine del febbraio del 2020) sembrano essersi affievolite sul versante dei prezzi...

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest