Codice della proprietà industriale – PNRR: approvato nuovo DDL

da | 27 Lug 2023 | Design

Le novità del Codice della proprietà industriale con il nuovo DDL

Lo scorso 18 luglio l’Aula della Camera ha approvato in via definitiva il disegno di legge di modifica del Codice della proprietà industriale, riforma che rientra nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e di competenza del Ministero delle Imprese e del Made in Italy.


Nuova proprietà industriale: le novità della Riforma

Il provvedimento – segnala il MIMIT – prevede che anche in Italia il brevetto originato dalla ricerca svolta dai ricercatori di Università, Enti pubblici di ricerca, Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico sarà di titolarità della struttura.

Ciò – secondo le intenzioni – renderà più agevole i percorsi di trasferimento tecnologico ed anche di valorizzazione delle invenzioni.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Oltre a questo il nuovo articolo 65 del provvedimento contiene la disciplina delle invenzioni che sono generate dall’attività di ricerca finanziata dalle imprese, nell’ottica di massima flessibilità dei rapporti tra queste e le strutture universitarie, sulla base di criteri che saranno fissati entro 60 giorni dal Ministero delle imprese e del Made in Italy di concerto con il Ministero dell’Università e della Ricerca.

Inoltre, si prevedono:

  • la possibilità di ottenere una protezione ad hoc per i disegni e i modelli presentati nell’ambito di fiere, nazionali ed internazionali;
  • l’attenzione alla lotta alla contraffazione, con la previsione della possibilità di sequestrare prodotti contraffatti esposti nelle fiere;
  • il rafforzamento del sistema dei presidi a tutela delle indicazioni geografiche, con l’ampliamento delle ipotesi in cui è possibile attivare il procedimento di opposizione contro marchi imitativi delle DOP;
  • l’introduzione della possibilità di pagare le tasse di deposito dei brevetti non solo contestualmente alla presentazione della domanda di brevetto, ma anche successivamente, aspetto questo di particolare interesse per le imprese anche in un’ottica di attrazione degli investimenti.


Protezione temporanea dei disegni e modelli

Di specifico interesse per chi si occupa di design, è l’introduzione – ad opera dell’articolo 2 del DDL – del nuovo articolo 34-bis al d.lgs. 30/2005, per cui chiunque ne ha interesse, può chiedere la protezione temporanea di disegni o modelli che figurano in un’esposizione, ufficiale o ufficialmente riconosciuta, tenuta nel territorio dello Stato o nel territorio di uno Stato estero che accordi reciprocità di trattamento.

La protezione di cui sopra, peraltro, attribuisce la priorità della domanda di registrazione, a condizione che detta domanda sia depositata entro sei mesi dalla data di esposizione dei disegni e modelli o dei prodotti che li incorporano o ai quali sono applicati.


Rapporti tra brevetto europeo e brevetto italiano

Molto interessante e impattante anche l’articolo 5, che sostituisce integralmente l’articolo 59 del d.lgs. 30/2005, disponendo che qualora, per la stessa invenzione proposta dal medesimo inventore, siano stati concessi, allo stesso inventore o al suo avente causa, un brevetto italiano e un brevetto europeo valido in Italia o un brevetto europeo con effetto unitario, aventi la medesima data di deposito o di priorità, il brevetto italiano mantiene i suoi effetti e coesiste con il brevetto europeo.

Leggi anche: Bandi Brevetti, Disegni e Marchi: il MIMIT rifinanzia con 32 milioni

Pronta a partire la nuova biennale del design a Doha

Pronta a partire la nuova biennale del design a Doha

La manifestazione in programma dal 24 al 28 febbraio nel Doha design district Con una importante presenza dell’Italia, il prossimo 24 febbraio, infatti, partirà la prima edizione di “Design Doha”, la biennale del design organizzata da Qatar museums che vuole diventare...

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest