Chimica e sicurezza sul lavoro sempre più vicini

da | 22 Dic 2022 | Chimica

Il settore investe tanto sulle tutele e il ruolo dei chimici sta diventando ogni giorno più importante

Chimica e sicurezza sul lavoro, un binomio inscindibile. Il settore da anni registra ottime performance, con investimenti importanti accompagnati dalla diminuzione constante degli infortuni. Inoltre, per la sicurezza nelle aziende assume un ruolo sempre più importante proprio il chimico, un professionista “in grado di garantire una corretta valutazione dei rischi in un panorama in continua evoluzione, anche alla luce delle modifiche normative, dello sviluppo della tecnologia, dell’innovazione, e dell’implementazione di un sistema sempre più orientato al perseguimento della sostenibilità sociale e ambientale”. L’argomento è stato al centro del convegno “salute e sicurezza sul lavoro – il ruolo del chimico e del fisico”, organizzato dall’ordine dei chimici e dei fisici del Veneto, con il patrocinio della Federazione nazionale di categoria, dell’Inail, della Rete delle professioni tecniche e di ProfessionItaliane.

Tanti gli argomenti trattati durante la giornata. Armando Zambrano, coordinatore della Rpt, ha annunciato la proposta di istituire un tavolo per modificare il dlgs 81/ 2008 (sicurezza sul lavoro) sottolineando la partecipazione dei chimici e dei fisici all’azione di proposta fatta dalla Rete, con contributi e misure presentati al ministero. Un passaggio importante, poi, è stato fatto in merito alla norma Uni sulla sicurezza sul lavoro, alla cui realizzazione hanno contribuito anche i chimici. Un aspetto che sottolinea ancora una volta quanto questo comparto sia sempre più vicino ai temi della sicurezza sul lavoro.

Questo, come accennato, sia per il ruolo dei professionisti che ne fanno parte sia per l’attenzione data al tema nel settore. Lo scorso 20 dicembre, a proposito, si è svolto il forum annuale sulla sicurezza nel comparto, con un focus sulla responsabilità sociale dell’industria chimico-farmaceutica. “Da oltre 50 anni”, si legge sul sito di Federchimica, “l’industria chimica e l’industria farmaceutica sono impegnate su questi temi e sono tra i settori manifatturieri più virtuosi, come dimostrano i dati Inail e quelli dell’ultimo Rapporto Responsible Care, il programma volontario a favore della sostenibilità”.
I due settori, come accennato, sono tra quelli con la più bassa incidenza di infortuni in rapporto alle ore lavorate – oltre il 41% in meno rispetto alla media manifatturiera – e confermano “le già ottime prestazioni in tutti gli indicatori di sostenibilità ambientale: rispetto al 1990, i gas serra si sono ridotti del 64% e l’efficienza energetica è migliorata del 44%: risultati rilevanti, già in linea con gli obiettivi dell’Unione europea al 2030”.

Pubblicità
Honeywell CLSS
Sostenibilità, guidano chimici e fisici

Sostenibilità, guidano chimici e fisici

Il tema al centro del XX Congresso nazionale della Federazione, svoltosi a Paestum Il cuore del futuro sostenibile, un cuore chiamato chimica e fisica. Questo il titolo del congresso nazionale (giunto alla sua ventesima edizione) della Federazione di categoria, che...

Dall’Ue una stretta all’uso di pesticidi

Dall’Ue una stretta all’uso di pesticidi

La risoluzione approvata dalla commissione ambiente del Parlamento europeo Ridurre l’utilizzo dei pesticidi chimici considerati “più pericolosi” del 50% rispetto alla media di utilizzo del periodo 2015-2017. È quanto prevede la posizione della commissione ambiente del...

Bando ISI 2023 per la salute e sicurezza delle imprese

Apertura dal 15 aprile sino alle ore 18:00 del 30 maggio 2024 della procedura informatica per la compilazione della domanda, attraverso un percorso guidato, del bando ISI 2023 Inail. Un avviso che, come ogni anno, ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest