Cessione del credito e sconto in fattura: c’è tempo fino a venerdì 13 per le correzioni

da | 10 Mag 2022 | Costruzione, ambiente e territorio

Cessione del credito e sconto in fattura: c’è tempo fino a venerdì 13 per le correzioni

Le comunicazioni delle opzioni per i bonus edilizi (sconto in fattura o cessione) relative alle spese del 2021 e alle rate residue delle spese 2020 trasmesse dal 1° al 29 aprile scorsi, scartate o contenenti errori, potranno essere inviate nuovamente o corrette fino a venerdì 13 maggio 2022.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 21/E/2022 del 5 maggio, rispondendo alle segnalazioni piovute dai contribuenti, professionisti e associazioni di categoria.

Il provvedimento, nello specifico, spiega come ‘ritrasmettere’ le comunicazioni già trasmesse nel mese di aprile o annullare/resettare quelle errate.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Il tutto, partendo dal presupposto che l’articolo 10-quater del DL Sostegni-Ter (legge 25/2022), ha previsto che, per le spese sostenute nel 2021, nonché per le rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese sostenute nel 2020, le comunicazioni per l’esercizio delle opzioni di cui all’art.121 del DL 34/2020, dovevano essere trasmesse all’Agenzia delle entrate entro il 29 aprile 2022 (comunicazione, tra l’altro, prorogata per le Partite Iva e le imprese).

  • Il reset


Fino al 13 maggio 2022 sarà quindi possibile:

  • inviare comunicazioni sostitutive e annullamenti di comunicazioni trasmesse e accolte dal 1° al 29 aprile 2022, per le rate residue delle spese del 2020 (4 o 9 rate, in base al tipo di intervento) e le spese del 2021;
  • ritrasmettere comunicazioni scartate dal 25 al 29 aprile 2022, per le rate residue delle spese del 2020 (4 o 9 rate) e le spese del 2021, a parità di codice fiscale del beneficiario (condominio o beneficiario dell’intervento sulla singola unità immobiliare) e anno della spesa.
  • E i crediti disponibili? Online entro il 13 maggio


I crediti emergenti dalle comunicazioni relative alle rate residue delle spese del 2020 (4 o 9 rate) e alle spese del 2021, correttamente ricevute dal 1° al 29 aprile 2022 e dal 9 al 13 maggio 2022 (per quest’ultimo periodo, solo se si tratta di comunicazioni sostitutive o ritrasmissione di scarti), saranno invece caricati dal Fisco entro il 17 maggio 2022 sulla Piattaforma accessibile dall’area riservata dell’Agenzia delle Entrate, per i fornitori e dei primi cessionari (che spesso sono le imprese edili), applicando le disposizioni vigenti per le comunicazioni ricevute nel mese di aprile 2022.

I crediti emergenti dalle comunicazioni relative alle spese 2022, correttamente ricevute nel mese di aprile 2022, saranno caricati sulla stessa Piattaforma entro il 10 maggio 2022.

  • Aggiornamento software


Segnaliamo anche che, in data 9 maggio 2022, le Entrate hanno aggiornato il software di compilazione e il software di controllo (versioni 1.2.3) rilasciati dal Fisco dopo la proroga prevista per i soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società e per i titolari di partita IVA relativamente all’invio delle comunicazioni delle spese del 2021 e delle rate residue per le spese del 2020, al 15 ottobre 2022 (disposto dalla legge di conversione del DL 17/2022 – Energia).

Decreto Salva Casa: come cambia il Testo Unico Edilizia

Decreto Salva Casa: come cambia il Testo Unico Edilizia

Tutte le Novità del Testo Unico Edilizia 2024 per il Decreto Salva Casa. Il disegno di legge di conversione del Decreto Salva Casa interviene sotto plurimi aspetti a modificare le regole edilizie e lo stesso Testo Unico Edilizia. Il testo approvato definitivamente...

Dighe: arriva il nuovo Regolamento

Dighe: arriva il nuovo Regolamento

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.156 del 5 luglio 2024 del decreto n.94 del 14 maggio 2024, l’Italia si dota di un nuovo Regolamento sulle dighe e le traverse. Il provvedimento, in vigore dal 20 luglio, disciplina il procedimento di approvazione dei...

PNIEC, inviato il testo alla Commissione UE

PNIEC, inviato il testo alla Commissione UE

PNIEC: 131 GW rinnovabili al 2030 E’ stato inviato alla Commissione europea, da parte dei Ministeri dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica e delle Infrastrutture e dei Trasporti, il testo definitivo del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Per...

Materie prime critiche di interesse strategico: nuove regole

Materie prime critiche di interesse strategico: nuove regole

Nuove regole nella normativa nazionale sul settore minerario per le materie prime di interesse strategico Il nuovo decreto-legge “Materie prime critiche”, approvato la scorsa settimana dal Governo e pubblicato col numero 84/2024 del 25 giugno nella Gazzetta Ufficiale...

Pubblicità
  • Box Area Tematica Blumatica
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM

Decreto Salva Casa: come cambia il Testo Unico Edilizia

Tutte le Novità del Testo Unico Edilizia 2024 per il Decreto Salva Casa. Il disegno di legge di conversione del Decreto Salva Casa interviene sotto plurimi aspetti a modificare le regole edilizie e lo stesso Testo Unico Edilizia. Il testo approvato definitivamente...

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest