Catasto online, il SIT inizia a “sfondare”: nuove cartografie disponibili in 31 Province italiane

da | 8 Nov 2021 | Costruzione, ambiente e territorio, Notizie

Sono ben 31, gli uffici catastali provinciali in cui il nuovo Sistema integrato territorio (SIT) ha preso il posto di Territorio web, la vecchia piattaforma del Fisco utilizzata per gestire i servizi cartografici e catastali.

La piattaforma è infatti attiva in queste regioni/province:

  • Emilia-Romagna: tutti gli Uffici provinciali di territorio;
  • Abruzzo: Upt di Chieti
  • Basilicata: Upt di Matera e Potenza
  • Liguria: Upt Savona e La Spezia
  • Sicilia: Upt di Ragusa, Agrigento e Trapani
  • Friuli: Upt di Udine
  • Lombardia: Upt di Brescia
  • Toscana: Upt di Siena, Firenze, Pisa, Massa e Prato
  • Umbria: Upt di Perugia e Terni
  • Campania: Upt di Trapani e Benevento
  • Veneto: Upt di Belluno e Treviso
  • Piemonte: Upt di Vercelli
  • Calabria: Upt di Cosenza
  • Puglia: Upt di Foggia

Entro metà novembre toccherà poi agli uffici di Biella, Gorizia, Pordenone, Trieste, Latina, Frosinone, Rieti, Viterbo.

Cos’è il SIT e perché interessa i professionisti tecnici
Ci sono svariati tecnici che, ogni giorno, utilizzano le procedure rese disponibili dall’Agenzia delle Entrate per l’aggiornamento degli archivi censuari e cartografici, perché cambiano – per esempio – le modalità di predisposizione e presentazione delle domande di voltura catastale, considerate le innovazioni introdotte con il nuovo applicativo “Voltura 2.0 – Telematica”, rilasciato sulla “Scrivania del Territorio”.

Pubblicità

La nuova piattaforma è caratterizzata dalla integrazione delle banche dati catastali, tramite la quale verranno acquisiti, gestiti e conservati gli atti, gli elaborati censuari e planimetrici del catasto urbano e gli atti di aggiornamento geometrico del catasto dei terreni.

Tra le novità, segnaliamo anche il layout della visura catastale, non più in formato tabellare ma più descrittivo e corredato da elementi grafici, in modo da risultare di più facile comprensione, soprattutto per i non addetti ai lavori.

Di fatto, il SIT è un’evoluzione dell’attuale sistema cartografico catastale, in grado di permettere un maggiore dialogo tra le diverse informazioni geo-referenziate, rendendole inter-operabili e sovrapponibili e permettendo la navigazione e consultazione dinamica e senza soluzione di continuità sull’intero territorio nazionale.

Ogni immobile censito in Catasto può quindi essere geo-localizzato correttamente, corredandolo con le informazioni identificative, tecniche, censuarie e reddituali, oltre a permettere l’accesso alle funzioni e alle banche dati Omi.

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest