Caro energia: decreto MITE con orari ufficiali ed esenzioni per il riscaldamento invernale

da | 13 Ott 2022 | Meccanica ed efficienza energetica

La crisi energetica continua imperterrita e le previsioni per il futuro immediato e soprattutto a medio-lungo termine non sono assolutamente bene-auguranti.

In tal senso, va letto l’intervento del Ministro della Transizione Ecologica Cingolani, che ha firmato il decreto che definisce i nuovi limiti temporali di esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale e la riduzione di un grado dei valori massimi delle temperature degli ambienti riscaldati, da applicare per la prossima stagione invernale come previsto dal Piano di riduzione dei consumi di gas naturale.

Si tratta, di fatto, del ‘regolamento’ per il riscaldamento del prossimo inverno da applicare sia negli edifici pubblici che in tutte le attività commerciali e/o industriali, per cercare di ‘risparmiare’ quanta più energia possibile.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Periodo di accensione degli impianti e valori di temperatura

Il periodo di accensione degli impianti – si legge nel provvedimento – è ridotto di un’ora al giorno e il periodo di funzionamento della stagione invernale 2022-2023 è accorciato di 15 giorni, posticipando di 8 giorni la data di inizio e anticipando di 7 la data di fine esercizio.

Pertanto, l’esercizio degli impianti termici è consentito con i seguenti limiti:

  1. Zona A: ore 5 giornaliere dal 8 dicembre al 7 marzo;
  2. Zona B: ore 7 giornaliere dal 8 dicembre al 23 marzo;
  3. Zona C: ore 9 giornaliere dal 22 novembre al 23 marzo;
  4. Zona D: ore 11 giornaliere dal 8 novembre al 7 aprile;
  5. Zona E: ore 13 giornaliere dal 22 ottobre al 7 aprile;
  6. Zona F: nessuna limitazione.

In presenza di situazioni climatiche particolarmente severe, le autorità comunali, con proprio provvedimento motivato, possono autorizzare l’accensione degli impianti termici alimentati a gas anche al di fuori dei periodi indicati al decreto, purché per una durata giornaliera ridotta.

Inoltre, i valori di temperatura dell’aria sono ridotti di 1° C.

Il vademecum ENEA

Per agevolare l’applicazione delle nuove disposizioni, ENEA pubblicherà un vademecum con le indicazioni essenziali per impostare correttamente la temperatura di riscaldamento che gli amministratori di condominio potranno rendere disponibile ai condomini.

Le esenzioni alle riduzioni dell’energia

Il decreto dispone che le riduzioni di cui sopra hanno delle esenzioni, cioè non non si applicano agli edifici adibiti a luoghi di cura, scuole materne e asili nido, piscine, saune e assimilabili e agli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e simili per i quali le autorità comunali abbiano già concesso deroghe ai limiti di temperatura dell’aria, oltre che agli edifici che sono dotati di impianti alimentati prevalentemente a energie rinnovabili.

 

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

Entrati in funzione dall’8 aprile, a partire dalle ore 17:00, i portali del GSE per accedere agli incentivi sulle comunità energetiche. Un passo importante e molto atteso perché grazie ai nuovi portali sarà possibile l’invio delle richieste dei contributi per le CER e...

Una spinta al biogas in agricoltura

Una spinta al biogas in agricoltura

Biogas in agricoltura: firmato il decreto che stanzia 193 milioni di euro Una spinta al biogas e all’efficienza nel settore agricolo, sfruttando i fondi del Pnrr. È l’obiettivo che si prefigge di raggiungere il decreto ministeriale firmato da Gilberto Pichetto Fratin,...

La direttiva case green taglia il traguardo

La direttiva case green taglia il traguardo

Obblighi meno stringenti rispetto alla versione originaria. Neutralità climatica al 2050 La tanto discussa direttiva europea ribattezzata “case green” è pronta a vedere la luce. Il 12 marzo, infatti, il Parlamento europeo ha approvato la Energy performance of...

Pubblicità
  • Box Blumatica Impianti Fotovoltaici
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest