Pubblicità
martedì, 28 Giugno 2022
Pubblicità
Pubblicità

Brevetti, Unioncamere: +5,3% le innovazioni italiane in Europa

-

L’ Italia innovativa, quella che produce brevetti e ricerca, sta crescendo. Sono infatti 4.465 le domande di brevetto italiane pubblicate dall’European Patent Office (Epo) nel 2020, secondo l’analisi effettuata da Unioncamere–Dintec, il 5,3 per cento in più dell’anno precedente. Dal 2008 le invenzioni italiane protette a livello europeo sono state quasi 52 mila e per quasi l’80 per cento si devono a soggetti (imprese, enti di ricerca e persone fisiche) residenti nelle regioni settentrionali.

“I dati sui brevetti italiani in Europa – sottolinea il presidente di Unioncamere, Andrea Prete – dimostrano che il nostro Paese ha una capacità di innovazione importante non solo nei settori ad alta intensità di conoscenza ma anche in quelli tipici dell’Italian style”. I campi delle “necessità umane” e delle “tecniche industriali e trasporti” assorbono più della metà della capacità innovativa made in Italy. Nel primo rientrano i brevetti relativi ad ambiti diversi di attività: dall’agricoltura all’abbigliamento, passando per il tabacco e lo sport; il secondo ha a che fare, invece, con le tecnologie della manifattura e dell’automotive. Rispetto al 2019, gli incrementi maggiori riguardano soprattutto alcuni settori che rendono l’Italia famosa nel mondo: +53 per cento per le innovazioni riguardanti i prodotti tessili e la carta (passati da 75 a 114) e +10 per cento, appunto, per le “necessità umane” (935 i brevetti pubblicati nel 2019, 1.033 quelli del 2020).

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.