Bonus edilizi classici e alternativi al Superbonus: tutte le scadenze aggiornate

da | 25 Ott 2023 | Competenze multidisciplinari

La maggior parte dei bonus edilizi ha come scadenza il 31 dicembre 2024, il Bonus Barriere 75% è l’unico che terminerà a fine 2025. Nessuna nuova proroga è presente nella prima bozza della Legge di Bilancio 2024

Che non si vive di solo Superbonus, anche considerando il taglio ormai netto dato da questo Governo alla maxi-agevolazione che, progressivamente, finirà per esaurirsi, è un dato di fatto.

Per questo motivo può essere utile un riepilogo delle scadenze di tutti i bonus edilizi ‘alternativi’ e principali, anzi sarebbe meglio dire classici, che esistono ed esisteranno nelle loro forme almeno fino a quando non verrà formalizzato il nuovo bonus energetico unico che, nelle mire del Governo, dovrebbe andare inglobare qualche agevolazione sparsa qua e là.

Questa, però, al momento è una storia tutta da scrivere: nella prima bozza della Manovra 2024, peraltro, non c’è traccia di bonus edilizi, con la fine del 2024 (e del 2025) quale dead-linea, al momento, per i principali bonus edilizi che conosciamo in Italia. Vediamo le scadenze.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Bonus Mobili: 31 dicembre 2024 ma il massimale scenderà a 5.000 euro

Il Bonus Mobili è una detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati all’arredo di immobili oggetto di interventi di ristrutturazione, iniziati a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto,

La norma di riferimento di questa agevolazione è l’art.16 comma 2 del DL 63/2013.

L’ultima proroga, attuale, che arriva al 31 dicembre 2024 è contenuta nella Legge di Bilancio 2022, ma poi la Legge di Bilancio 2023 ha alzato a 8.000 euro la spesa massima ammissibile nel 2023, lasciando a 5.000 euro quella per il 2024.

Quindi:

  • la spesa massima agevolabile scende, negli anni 2023 e 2024, rispettivamente a 8.000 e 5.000 euro per ogni unità immobiliare ristrutturata, comprensiva delle pertinenze, o in riferimento alla parte comune dell’edificio oggetto di intervento (il tetto precedente era 10 mila euro);
  • se i lavori edilizi sono effettuati nell’anno precedente a quello dell’acquisto di mobili/elettrodomestici ovvero sono iniziati nell’anno precedente e proseguiti nell’anno dell’acquisto, nel limite di 5 mila euro occorre tener conto anche delle spese dell’anno precedente per le quali si è fruito del bonus.

 

Bonus Ristrutturazioni 50%: 31 dicembre 2024

E’ uno dei pochi bonus che non prevede scadenze, ma nella sua formulazione al 36% (art.16 comma 1 DL 63/2013).

La detrazione potenziata al 50%, su una spesa massima di 98 mila euro, che riguarda gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (anziché il 36% su un importo non superiore a 48mila euro, come previsto a regime dal Tuir), è al momento vigente fino al 31 dicembre 2024.

Poi si ritornerà al 36%.

Bonus Barriere 75%: 31 dicembre 2025

Figlio della Legge di Bilancio 2022 e prorogato, da ultimo, dalla Legge di Bilancio 2022, il Bonus Barriere Architettoniche prevede una detrazione del 75% per interventi finalizzati al superamento e all’eliminazione di barriere architettoniche e vale sino al 31 dicembre 2025.

Attenzione: per i lavori condominiali, è necessaria una delibera di approvazione che dovrà avere il voto favorevole di una maggioranza rappresentativa di un terzo del valore millesimale del condominio.

Ecobonus: 31 dicembre 2024

L’Ecobonus classico o rafforzato (50 o 65% a seconda dl tipo di intervento) e quello per le opere sulle parti comuni degli edifici condominiali (detrazioni del 70-75% ma anche dell’80-85%, se finalizzate sia alla riduzione del rischio sismico sia alla riqualificazione energetica di immobili ubicati nelle zone sismiche 1, 2 e 3, cd. Ecosismabonus), è valido sino al 31 dicembre 2024.

Sismabonus e Sismabonus Acquisti: 31 dicembre 2024

Il Sismabonus (art.16 comma 1-bis del DL 63/2013) riguarda gli interventi per l’adozione di misure antisismiche e l’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica degli edifici e si prende fino al 31 dicembre 2024.

La detrazione ‘base’ è del 50%, ma può alzarsi al 70-80 o 75-85 a seconda dei livelli di miglioramento (salti di classe) e del tipo di immobili per cui è oggetto (parti comuni condominiali).

Lo stesso orizzonte temporale è disposto per il Sismabonus Acquisti, riconosciuto a chi compra immobili ubicati nei comuni ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3, realizzati mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici per ridurne il rischio sismico (ovviamente con le quote ordinarie).

Bonus Verde 36%: 31 dicembre 2024

In ultimo, ricordiamo l’agevolazione del 36% per arredo verde urbano (sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, immobili, pertinenze e recinzioni, impianti di irrigazione e pozzi più coperture a verde di giardini pensili) di cui all’art.1 comma 12 e segg. legge 205/2017 arriverà fino al 31 dicembre 2024.

Segnaliamo, in materia, che:

  • la spesa massima agevolabile non può superare 5 mila euro per appartamento;
  • se la sistemazione a verde riguarda le parti comuni di edifici, la detrazione è calcolata su una spesa massima di 5 mila euro per ogni unità immobiliare.
Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Al via la settimana delle discipline Stem

Al via la settimana delle discipline Stem

Dal 4 all’11 febbraio iniziative formative ed eventi legati all’orientamento Dal 4 all’11 febbraio in Italia si svolgerà la prima settimana delle discipline Stem. Sette giorni durante i quali saranno protagoniste le materie tecnico-scientifiche, tramite...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest