Bonus Barriere Architettoniche a maglie larghe: ok anche per le società

da | 6 Ott 2022 | Costruzione, ambiente e territorio

Basta che l’edificio “esista” e il Bonus Barriere Architettoniche sarà realtà, anche per la società e non solo per il privato contribuente.

Del resto, come chiarito con la circolare n. 23/2022 del Fisco, nell’ambito soggettivo di applicazione della disposizione agevolativa rientrano, tra gli altri, anche i contribuenti che conseguono reddito d’impresa.

Lo ha sottolineato l’Agenzia delle Entrate nella recente risposta a interpello n. 475/2022 del 27 settembre, ‘spedita’ ad una società che voleva certezza sul fatto di poter beneficiare, quale soggetto IRES, del Bonus Barriere 75% su interventi migliorativi dell’accessibilità nei locali commerciali detenuti in locazione e, se sì, di poter optare per la cessione o per lo sconto in luogo delle detrazioni fiscali.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Bonus Barriere Architettoniche: cos’è

Si tratta di una detrazione fiscale del 75% per le spese documentate e sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 per la realizzazione di interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche nello stesso edificio (art.119-ter DL Rilancio).

Bonus Barriere Architettoniche: maglie larghe

L’AdE, in primis, ricorda che nella circolare n. 23/2022 (paragrafo 3.5) si specifica che rientrano nell’ambito soggettivo di applicazione della disposizione:

  • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni,
  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale,
  • le società semplici,
  • le associazioni tra professionisti e i soggetti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, enti, società di persone, società di capitali).

Bonus Barriere Architettoniche: la discriminante è l’esistenza dell’edificio

La detrazione – continua il Fisco – spetta solo per la realizzazione di interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione di barriere architettoniche in edifici “già esistenti”, e non per quelli effettuati durante la fase di costruzione dell’immobile né per i lavori realizzati mediante demolizione e ricostruzione, ivi compresi quelli con la stessa volumetria dell’edificio preesistente inquadrabili nella categoria della “ristrutturazione edilizia”.

Nel caso proposto, si evince che i locali sottoposti agli interventi sono esistenti.

In definitiva la società istante (soggetto Ires), nel rispetto di tutte le condizioni previste dalla norma, potrà fruire della detrazione e, di conseguenza, potrà anche avvalersi delle disposizioni contenute nell’articolo 121 del DL 34/2020, secondo il quale, invece dell’utilizzo diretto della detrazione, potrà scegliere di cederla o di ottenere in cambio lo sconto in fattura.

Superbonus, cessione dei crediti al capolinea

Superbonus, cessione dei crediti al capolinea

La scadenza del 4 aprile mette paura: vietato sbagliare o fare ritardo La stretta sul Superbonus (o meglio, sulla cessione dei crediti di imposta) è realtà. Il 4 aprile, infatti, scadeva il termine per comunicare i dati dall’Agenzia delle entrate per poter effettuare...

Pubblicità
  • Box Blumatica Impianti Fotovoltaici
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest