Assegnata la gara da 725 milioni di euro per il potenziamento del 5G

da | 17 Giu 2022 | Informatica

Investimento previsto dal PNRR

Oltre 700 milioni di euro per il potenziamento del 5G in Italia, con più di 11.000 siti radiomobili che saranno collegati in fibra ottica entro il 2026. È quanto annuncia il Ministero dell’innovazione e della transizione digitale, che sul proprio sito ha pubblicato la notizia dell’assegnazione della gara per il potenziamento delle reti radiomobili 5G, che vale 725 milioni di euro con gli incentivi pubblici che copriranno fino al 90 % dei costi di realizzazione. Si tratta di un investimento previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. “L’Italia”, si legge sul sito del ministero, “sarà il primo Paese in Europa ad avere reti mobili 5G interamente rilegate in fibra ottica, essenziale per garantire altissima velocità e minima latenza ovunque”.

Il bando di gara prevedeva sei aree geografiche (i cosiddetti lotti), che sono stati assegnate a Tim, con un finanziamento che copre fino al 90% del costo complessivo delle opere. Tutti gli altri operatori interessati avranno accesso all’ingrosso alle infrastrutture finanziate secondo le condizioni definite dall’Agcom.

Si tratta di un altro tassello della Strategia nazionale per la banda ultra-larga (consultabile sul sito del Ministero), che racchiude in sostanza i prossimi investimenti in materia di connessione digitale sui cui l’Italia sta puntando e punterà nei prossimi anni. Oltre allo sviluppo del 5G si possono citare i programmi “Scuole connesse”, “Sanità connessa”, “Isole minori”, oltre che iniziative come i voucher per il sostegno alla domanda.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Soddisfazione da parte del ministro Colao: “con l’assegnazione del primo bando per lo sviluppo del 5G siamo ancora più vicini a completare il piano del Governo per connettere tutta l’Italia con reti ad altissima capacità”, le parole del ministro riportate sul sito del dicastero. “Gli incentivi promossi rappresentano un caso unico in Europa: siamo infatti il primo Paese a prevedere un intervento pubblico per il mercato mobile che favorisce lo sviluppo di una tecnologia all’avanguardia nelle aree dove non c’è interesse ad investire. Questo anche grazie all’impegno di aziende del settore privato che, insieme al Governo, stanno investendo sulle varie iniziative del Piano per raggiungere questo importante obiettivo. Salgono quasi a quota 5 i miliardi che abbiamo già assegnato per avere, entro il 2026, un Paese connesso ai migliori livelli europei”.

Sicurezza ICT in Italia: pubblicato il Rapporto Clusit 2024

Sicurezza ICT in Italia: pubblicato il Rapporto Clusit 2024

L’Associazione Clusit ha pubblicato il Rapporto 2024 (dati riferiti all’anno 2023) sulla sicurezza ICT in Italia, un documento che evidenzia come ci sia stato un netto peggioramento rispetto ai dati registrati un anno prima (2022). Va prima di tutto sottolineato che i...

Pubblicità
Obo Bettermann

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest