Alle aziende preoccupano più i rischi informatici che la chiusura dell’attività

da | 19 Gen 2022 | Informatica

A livello mondiale il rischio più sentito dalle aziende è legato a problematiche informatiche

Una paura superiore anche all’interruzione della propria attività, nonché alla pandemia o a catastrofi naturali. I cambiamenti climatici preoccupano di più di danni reputazionali o rischi politici. E’ quanto emerge dall’Allianz risk barometer 2022, l’11^ edizione del report realizzato dall’Allianz in cui vengono raccolte le opinioni di 2.650 esperti di aziende (tra cui Ceo e manager) provenienti da 89 paesi legati ad oltre 20 settori produttivi.

E’ la seconda volta che i rischi informatici (intesi come attacchi, violazioni dei dati, guasti It) sono al primo posto della classifica Allianz: è stata la prima risposta per il 44% degli intervistati, mentre nel 2021 si piazzava al terzo posto con il 40% delle risposte. Spodestato il secondo rischio presente in classifica, ovvero l’interruzione dell’attività, indicata nel 42% delle risposte (nel 2021, con il 41%, si piazzava in prima posizione). Ben più distanziati gli altri “pericoli”, visto che le catastrofi naturali, al terzo posto, raccolgono il 25% delle risposte. Al quarto posto la pandemia, che l’anno scorso era seconda, decisamente in calo al 22% rispetto al 40% del 2021. Molto sentiti anche possibili cambiamenti politico-istituzionali, che conquistano il quinto posto nel ranking; vengono descritti come sanzioni economiche, protezionismo, Brexit, disaggregazione dall’Eurozona e hanno ottenuto il 19% delle risposte. A seguire i cambiamenti climatici, incendi o esplosioni, cambiamenti nei mercati, carenza di manodopera qualificata e i cambiamenti nello scenario macroeconomico, come misure di austerity.

Anche a livello italiano le aziende sono fortemente preoccupate dai rischi informatici: è la prima categoria di pericolo indicata dai manager quest’anno ed era la stessa anche nel 2021. Decisamente in discesa, anche all’interno dei nostri confini, la preoccupazione legata alla pandemia: se l’anno scorso guadagnava la terza posizione con il 28% delle risposte, ora si piazza al quinto posto con il 16%. Stessa percentuale di risposte per una categoria che non era presente nel decimo report Allianz in riferimento all’Italia, ovvero il richiamo di prodotti, la mancanza di qualità o i difetti seriali. Al secondo posto, così come indicato dai dirigenti di tutto il mondo, troviamo l’interruzione di attività e al terzo le catastrofi naturali.

Pubblicità
Continua la crescita del digitale in Italia

Continua la crescita del digitale in Italia

Spid, Cie e App io in grande espansione. Oltre 61 miliardi tramite PagoPa Continua a correre il digitale in Italia. Numeri record anche per il 2022, con 33,5 milioni di Spid, 32,7 milioni di carte d’identità elettroniche e oltre 61 miliardi di euro di pagamenti online...

Una spinta al digitale nei comuni

Una spinta al digitale nei comuni

Accordo tra l’Anci e il dipartimento per l’innovazione tecnologica Una spinta alla digitalizzazione dei comuni italiani. È questo l’obiettivo principale del protocollo di intesa che verrà presto siglato tra il dipartimento per l’innovazione digitale e l’Anci,...

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest