Alle aziende preoccupano più i rischi informatici che la chiusura dell’attività

da | 19 Gen 2022 | Informatica

A livello mondiale il rischio più sentito dalle aziende è legato a problematiche informatiche

Una paura superiore anche all’interruzione della propria attività, nonché alla pandemia o a catastrofi naturali. I cambiamenti climatici preoccupano di più di danni reputazionali o rischi politici. E’ quanto emerge dall’Allianz risk barometer 2022, l’11^ edizione del report realizzato dall’Allianz in cui vengono raccolte le opinioni di 2.650 esperti di aziende (tra cui Ceo e manager) provenienti da 89 paesi legati ad oltre 20 settori produttivi.

E’ la seconda volta che i rischi informatici (intesi come attacchi, violazioni dei dati, guasti It) sono al primo posto della classifica Allianz: è stata la prima risposta per il 44% degli intervistati, mentre nel 2021 si piazzava al terzo posto con il 40% delle risposte. Spodestato il secondo rischio presente in classifica, ovvero l’interruzione dell’attività, indicata nel 42% delle risposte (nel 2021, con il 41%, si piazzava in prima posizione). Ben più distanziati gli altri “pericoli”, visto che le catastrofi naturali, al terzo posto, raccolgono il 25% delle risposte. Al quarto posto la pandemia, che l’anno scorso era seconda, decisamente in calo al 22% rispetto al 40% del 2021. Molto sentiti anche possibili cambiamenti politico-istituzionali, che conquistano il quinto posto nel ranking; vengono descritti come sanzioni economiche, protezionismo, Brexit, disaggregazione dall’Eurozona e hanno ottenuto il 19% delle risposte. A seguire i cambiamenti climatici, incendi o esplosioni, cambiamenti nei mercati, carenza di manodopera qualificata e i cambiamenti nello scenario macroeconomico, come misure di austerity.

Anche a livello italiano le aziende sono fortemente preoccupate dai rischi informatici: è la prima categoria di pericolo indicata dai manager quest’anno ed era la stessa anche nel 2021. Decisamente in discesa, anche all’interno dei nostri confini, la preoccupazione legata alla pandemia: se l’anno scorso guadagnava la terza posizione con il 28% delle risposte, ora si piazza al quinto posto con il 16%. Stessa percentuale di risposte per una categoria che non era presente nel decimo report Allianz in riferimento all’Italia, ovvero il richiamo di prodotti, la mancanza di qualità o i difetti seriali. Al secondo posto, così come indicato dai dirigenti di tutto il mondo, troviamo l’interruzione di attività e al terzo le catastrofi naturali.

Pubblicità
Honeywell CLSS
Comuni sempre più in digitale con il Pnrr

Comuni sempre più in digitale con il Pnrr

Quasi 2 mila i comuni integrati sul Servizio notifiche digitali Continua la corsa dei comuni alla digitalizzazione con i fondi del Pnrr. Come comunicato dal dipartimento per l’innovazione e la trasformazione digitale, infatti, sono 1921 gli enti che hanno completato...

Il boom dell’intelligenza artificiale

Il boom dell’intelligenza artificiale

Nel 2023 il valore di mercato cresce del 52% raggiungendo quota 760 milioni di euro L’era dell’intelligenza artificiale è ufficialmente esplosa. Tutti i giorni, ormai, leggiamo su riviste e quotidiani la crescita impetuosa di sistemi di IA, dalla famosa ChatGpt ai...

Crescono gli attacchi cibernetici, ma mancano i profili

Crescono gli attacchi cibernetici, ma mancano i profili

Il sottosegretario Mantovano in audizione alla Camera dei deputati Nel 2023 si sono verificati 1.411 attacchi cibernetici dal “potenziale impatto”, con un significativo incremento rispetto al 2022. L’Agenzia nazionale conterà circa 800 persone, ma ci sono palesi...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest