giovedì, 29 Settembre 2022
Pubblicità

Al via il corso di Design all’università di Prato

-

“Design, tessile e moda”, questo il titolo del corso, che prenderà il via a settembre, rivolto agli studenti interessati ad approfondire i temi della manifattura in relazione alla moda e che rafforza così la presenza della Scuola di Architettura dell’ateneo di Firenze nella realtà di Prato.

L’annuncio del nuovo corso è stato fatto in occasione della cerimonia di inaugurazione delle attività accademiche 2021/2022 del Pin alla presenza, oltre che della rettrice e della presidente del Pin Daniela Toccafondi, del sindaco Matteo Biffoni, del presidente della Regione Eugenio Giani e di Maurizio Fioravanti, docente emerito di Storia delle costituzioni moderne.

Il Pin conta inoltre 35 laboratori attivi in distinti ambiti disciplinari (dalla meccanica avanzata all’energetica e alle energie rinnovabili, dalle telecomunicazioni alle scienze economiche e aziendali, dal trattamento dei rifiuti all’ICT, fino all’economia dello sviluppo) che vantano rapporti di collaborazione con le realtà produttive della regione.

L’obiettivo del corso di Interior Design a Prato, corso in aula e corso on line in video conferenza (FAD), è quello di formare un professionista che possa operare fin da subito nel campo dell’arredo. Essere capace di trovare sempre la soluzione migliore per il cliente e in grado di coniugare stile, prezzo e fattibilità del progetto.

Avere un’eccellente capacità di progettazione è uno dei pilastri di questo corso di formazione. I software utilizzati nel corso sono quelli maggiormente utilizzati nel settore e dunque favoriscono anche un inserimento professionale più veloce. Il corso permette di acquisire competenze specifiche nel Design di interni attraverso un percorso formativo completo e tenuto da professionisti del settore; l’allievo, dopo aver seguito il nostro corso di formazione è in grado di lavorare nel settore del design e dell’arredo.

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.