venerdì, 30 Settembre 2022
Pubblicità

Aggiudicata la gara per il Polo strategico nazionale

-

Aruba e Fastweb si aggiudicano la gara europea per la realizzazione e la gestione del Polo strategico nazionale per la realizzazione e gestione dell’infrastruttura ad alta affidabilità prevista dalla strategia cloud Italia. Secondo quanto comunica il Ministero per la transizione digitale, è stata infatti aggiudicata la gara rientrante negli investimenti previsti dal Pnrr, con una base d’asta pari a 4,4 miliardi.
L’aggiudicazione del Polo strategico nazionale realizza la missione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Missione 1, componente 1, investimento 1.1 cloud Pa/Polo strategico nazionale) per accelerare la trasformazione digitale della Pa e ha l’obiettivo, congiuntamente all’iniziativa 1.2 del Pnrr “Abilitazione e facilitazione migrazione al cloud”, di portare il 75% delle amministrazioni italiane ad utilizzare servizi in cloud entro il 2026. La creazione del Polo “è uno dei tre obiettivi fondamentali previsti dalla strategia cloud Italia, insieme alla classificazione dei dati e dei servizi pubblici da parte dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale e la migrazione verso il cloud di dati e servizi digitali della Pubblica amministrazione”, fanno sapere dal dicastero guidato da Vittorio Colao.
Come riporta il Ministero sul proprio sito, sono state due le proposte ricevute: l’aggiudicazione, come detto, è andata all’offerta presentata dal raggruppamento costituito da Aruba spa e Fastweb spa, in qualità di mandataria, che ha offerto, per la parte economica, uno sconto medio sui listini posti a base di gara del 39,19%. L’operatore economico promotore del progetto, raggruppamento costituito da Sogei spa, Leonardo spa, Cdp Equity spa e Tim spa, in qualità di mandataria, per la parte economica ha offerto una percentuale di sconto medio, sui listini posti a base di gara, del 23,36%. Il soggetto promotore avrà ora quindici giorni di tempo per esercitare, eventualmente, il diritto di prelazione impegnandosi ad adempiere alle obbligazioni contrattuali alle medesime condizioni offerte dall’attuale aggiudicatario.

Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.